L’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro CHIUDERA' IL 31 DICEMBRE 2014 A SEI ANNI DALL'APERTURA. Chiuderà per 'INDIFFERENZA". L'indifferenza di questo governo e della politica tutta, oltre che della classe dirigente di questo paese. E’ diventata insopportabile per un cittadino normale che voleva solo dare un contributo alla conoscenza e alla risoluzione di queste tragedie continuare e sacrificare il suo tempo e avere come interlocutori “il nulla” I morti sui luoghi di lavoro aumentano in modo spaventoso ma non si fa niente. Chi dice che calano o non conosce l’entità del problema o è in malafede. I lavoratori sono trattati come merce e carne da macello. E tenete giù le mani dall'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori che dove non è presente come tra i lavoratori precari e partite IVA uccide per l'impossibilità, pena il licenziamento, d'opporsi anche alla richiesta di fare lavori pericolosi.

Un 2015 di Pace e senza più morti sul lavoro

Un 2015 di Pace e senza più morti sul lavoro

dipinto d'apertura di Carlo Soricelli del 1980 "Icona proletaria"

Fondato dal metalmeccanico in pensione e pittore Carlo Soricelli è attivo dal 1° gennaio 2008 in ricordo di Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino,Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, Giuseppe Demani. Sono i sette giovani operai della ThyssenKrupp di Torino, morti nella notte del 5/6 dicembre 2007. Dall'Osservatorio sono registrati e archiviati in appositi file i morti sui luoghi di lavoro del 2008/2009/2010/2011/2012/2013/2014

per contatti carlo.soricelli@gmail.com

L'Osservatorio ha tantissimi visitatori statunitensi e tedeschi ed è per questo che lo presentiamo anche nelle loro lingue

Independent Observatory of Bologna who died on the job

Bologneser Unabhängige Beobachtungsstelle für die Toten bei der Arbeit

Mese

Morti per infortuni sul lavoro 21 dicembre 2014

Sono 629 dall'inizio dell'anno. Sui luoghi di lavoro sono già stati superati i morti dell'intero 2013 del 9,6%. Se si aggiungono i morti sulle strade e in itinere si superano i 1230 morti sul lavoro complessivi. Se si aggiungono i "diversamente assicurati" che non appaiono mai nelle statistiche delle morti sul lavoro di categorie con assicurazioni proprie, diverse dall'INAIL, pensiamo si arriva a questo numero impressionante di vittime, ma per molte ragioni è impossibile avere un numero certo di vittime sulle strade, soprattutto di lavoratori con Partita IVA individuale che sono classificati come "morti per incidenti stradali", mentre stavano lavorando o erano in itinere. Questa categoria con diversi milioni di lavoratori è trattata in modo vergognoso, non solo se hanno un infortunio grave, ma anche quando si ammalano. Le morti sui luoghi di lavoro che segnaliamo sono tutte documentate.

MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO NELLE PROVINCE ITALIANE (vanno almeno raddoppiati se si aggiungo i morti sulle strade e in itinere)

Valle d'Aosta (2 morto) Aosta 2,Piemonte (48 morti) Torino 20, Alessandria 9, Asti 2, Biella 1, Cuneo 10, Novara 3, Verbano-Cusio-Ossola 1, Vercelli 2.Liguria (10 morti)Genova 6, Imperia 1, La Spezia 1, Savona 2.Lombardia (72 morti) Milano 7, Bergamo 5, Brescia 14, Como 3, Cremona 10, Lecco 0, Lodi 2, Mantova 12, Monza 3, Brianza 1, Pavia 8, Sondrio 4, Varese 4.Trentino-Alto Adige (18 morti)Trento 6, Bolzano 12,Veneto (58 morti)Venezia 10, Belluno 5, Padova‎ 5, Rovigo 4, Treviso 9, Verona 14, Vicenza 8. Friuli-Venezia Giulia (12 morti) Trieste 2, Gorizia 0, Pordenone 4, Udine 6. Emilia-Romagna (52 morti)Bologna 5. Forlì-Cesena 7, Ferrara 6, Modena 6, Parma 7, Piacenza 6, Ravenna 9, Reggio Emilia 3, Rimini 3.Toscana (28 morti) Firenze 2, Arezzo 8, Grosseto 3, Livorno 1, Lucca 3, Massa Carrara 1, Pisa‎ 6, Pistoia 2, Prato 0, Siena 1.Umbria (13 morti)Perugia 8, Terni 5.Marche (23 morti)Ancona 3, Ascoli Piceno 8(compresi i 4 piloti del Tornado), Fermo 3, Macerata 5, Pesaro-Urbino 4.Lazio (42 morti)Roma 16, Frosinone 4, Latina 4, Rieti 8, Viterbo 10.Abruzzo (28 morti)L'Aquila 9, Chieti 9, Pescara 2, Teramo 8.Molise (9 morti)Campobasso 5, Isernia 4,Campania (45 morti) Napoli 12, Avellino 8, Benevento 6, Caserta 7, Salerno 12,Puglia (39 morti)Bari 15, BAT 3, Brindisi 2, Foggia 4, Lecce 9, Taranto 6.Basilicata (7 morti)Potenza 6, Matera 1. Calabria ( 16 morti) Catanzaro 3, Cosenza 5, Crotone 1, Reggio Calabria 1, Vibo Valentia 6.Sicilia(48 morti) Palermo 13, Agrigento 5, Caltanissetta 6, Catania 3, Enna 2, Messina 5, Ragusa 3, Siracusa 5, Trapani‎ 6.Sardegna (17 morti) Cagliari 4, Carbonia-Iglesias 2, Medio Campidano 1, Nuoro 4, Ogliastra 1, Olbia-Tempio 0, Oristano 4, Sassari‎ 0. Quando leggete questa terribile sequenza ricordatevi sempre che se si aggiungono anche i morti sulle strade e in itinere i morti sul lavoro sono almeno il doppio e tante vittime sulle strade muoiono per turni dove si dovrebbe dormire, per orari prolungati e stanchezza accumulata, per lunghi percorsi per andare e tornare dal lavoro. Non sono segnalati a carico delle province le morti di autotrasportatori sulle autostrade.

Categorie con più morti sul lavoro: Agricoltura 38% sul totale, con il 62,9% di queste morti causate dal trattore . Edilizia 23,6%. Industria 10,3% (comprese e fabbriche artigianali). Autotrasporto 8,1%. Il 30% di tutti i morti sui luoghi di lavoro ha dai 60 anni in sù (la legge Fornero non ha nessuna responsabilità di questo eccidio tra i lavoratori anziani?). il 9,2% sono stranieri. Il 50% di tutte le morti sui luoghi di lavoro sono concentrate in 6 regioni: Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Lazio e Sicilia.


Il giorno 28 febbraio abbiamo mandato una mail a Renzi, Martina e Poletti avvertendoli che entro pochi giorni sarebbe ricominciata la strage di agricoltori schiacciati dal trattore senza ottenere nessuna risposta. Li pregammo di fare una campagna informativa sulla pericolosità del mezzo e di proporre in parlamento una legge per la protezione delle cabine sui vecchi trattori. Da quel giorno ne sono morti così atrocemente 141 e 151 dall'inizio dell'anno. A mio parere la responsabilità morale di queste tragedie è anche loro e di tutto il parlamento

DIOPPPS Disoccupati Impiegati Operai Precari Partite Iva Pensionati Studenti

IO MI DIFENDO

DIOPPPS

(Disoccupati Impiegati Operai Precari Partite Iva Pensionati Studenti)

http://iodifendochilavora.blogspot.it/

Pagina Faceboook Dioppps io difendo chi lavora (clicca mi piace)

Il nostro paese, il mondo del lavoro, i disoccupati, i precari, i pensionati, le partite iva individuali, gli esodati e gli studenti hanno bisogno di qualcosa di nuovo che li rimetta al centro delle politiche; negli ultimi anni queste categorie sono state emarginate e utilizzate per fare gli interessi esclusivi di una classe politica e dei più abbienti che hanno nel Parlamento lobbies potentissime che lavorano esclusivamente per i loro interessi. E questo riguarda tutti i partiti.
DIOPPPS si propone di portare nelle Amministrazioni e nel Parlamento solo persone provenienti da queste categorie che sono state le sole a pagare la crisi.
In questi ultimi vent’anni sono stati tolti i diritti conquistati dalle precedenti generazioni e una minoranza di italiani si è immensamente arricchita a discapito delle categorie più deboli. Basta leggere l’ultimo rapporto OCSE sull’Italia che lo scrive esplicitamente.
Leggi come la Treu, la Biagi, la Fornero hanno ridotto alla fame e al silenzio sui diritti con il precariato, con tutte le forme di lavoro flessibile e l’allungamento dell’età pensionabile.
Tra l’altro è ormai provato che il cosiddetto lavoro flessibile, oltre che indebolire ridurre in semi schiavitù chi lavora, provoca l’impoverimento anche delle aziende che lo praticano e uccide tantissimi lavoratori che muoiono per infortuni sul lavoro come può documentare l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro.
Renzi e Poletti con il Job Act tolgono quei residui diritti che ancora resistevano con l’articolo 18, che di fatto viene abolito. Le conseguenze in pochi anni saranno drammatiche sotto tutti i punti di vista. Chi come me lavorava già negli anni sessanta sa di cosa parlo.
DIOPPPS si propone di abolire tutte queste leggi inique che hanno ridotto alla fame e al silenzio chi lavora. E questo si può fare solo se si portano in parlamento tantissimi lavoratori, pensionati, precari, disoccupati, partite iva individuali e studenti. Qui ne va della sopravvivenza di chi lavora, di chi lo sta cercando e della dignità che non può fermarsi davanti ai cancelli dei luoghi di lavoro.
Rinchiudersi in un vuoto astensionismo non fa che aumentare il potere, le diseguaglianze e favori chi più ti sta danneggiando.
Tengo a precisare, come ho espresso più volte, che io non sono comunista, questa definizione non la merito; è impossibile in questo momento dell’Umanità, ancora in uno stadio troppo arretrato e primitivo per valori così alti quali l’uguaglianza e la giustizia sociale. L’uomo non è ancora pronto e probabilmente ci vorranno centinaia di anni per vedere realizzato un progetto simile. La tragica esperienza dell’Unione Sovietica ci ha mostrato questo. Che non siamo pronti come umani a un disegno così grandioso e che in noi tutti prevale ancora l'istinto primordiale che supera l'elaborazione culturale e l’egoismo individuale. Occorre allora cercare concretamente di difendere i più deboli, che devono cominciare a capire che non si può essere gli “utili idioti” di chi poi lavora contro i loro interessi.
Non bisogna rinchiudersi in un brontolio sordo che arriva al disimpegno verso tutto quello che sa di sociale e lasciare che i tuoi avversari imperversino in tutti i luoghi dove si prendono le decisioni che ti riguardano.
Occorre cercare di ridiventare protagonisti e difendere i diritti da chi te li ha tolti e ce li sta togliendo, senza dividersi e spezzettarsi in mille rivoli inconcludenti.
Come curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna rimango sgomento nel vedere l’indifferenza di chi ci sta governando verso il fenomeno delle morti sul lavoro che non sono mai state così tante da quando ho aperto sei anni fa l’Osservatorio considerando che già un mese fa avevamo superato i morti sui luoghi di lavoro dell’intero 2013.
Noi abbiamo un grande italiano, il Procuratore di Torino Raffaele Guariniello che da anni propone una Procura Nazionale Sicurezza sul Lavoro e che ha sempre difeso il mondo del lavoro dal mancato rispetto delle leggi. Io mi augurerei che chi lavora e i sindacati lo proponessero come prossimo Presidente della Repubblica. In lui troverebbero un ostacolo insormontabile contro i diritti di chi lavora. Esiste uno spazio enorme, i lavoratori, i disoccupati, i precari, gli studenti che hanno idee di uguaglianza sono decine di milioni. Occorre dire basta alle divisioni e cercare di riproporre un soggetto unico portare dei valori di giustizia sociale.

Non rinchiuderti in te stesso, torna protagonista della tua vita e cerca di salvaguardare i tuoi interessi e di dare il tuo contributo.

Scrivi che apprezzi questo programma?


Un comitato formato da una decina di persone di diverse regioni italiane è già formato per mettere in campo un movimento che dalla base e senza intermediazioni cerchi di riaggregare quella sinistra dispersa che può diventare importante come Syriza in Grecia e Podemos in Spagna che nei sondaggi sono diventati i primi partiti in quegli Stati in poco tempo.
SI PUO' TENTARE anche qui in Italia e a mio parere con risultati clamorosi. Riaggregare le basi di SEL, Sinistra PD, Rifondazione, L'Altra Europa con Tsipras i tantissimi cinquestellati di sinistra, anche la maggioranza degli italiani che non sono andati a votare, e coinvolgere la galassia che sta ancora più a sinistra in un progetto che abbia come cardine la difesa dei diritti dei lavoratori e dei pensionati, dei disoccupati e precari e delle partite iva. Credo possa diventare molto importante. Cosa ne pensate? Non è in fondo necessario formare un nuovo partito se non si riesce, ma pretendere che a rappresentare queste categorie ci vadano persone che di queste categorie fanno parte. Non occorre più delegare ad altri, ai professionisti della politica la rappresentanza sociale di queste categorie. In questi ultimi anni abbiamo pagato la crisi solo noi. Occorre dire BASTA ai ladri di voti che in campagna elettorale e a parole difendono chi lavoro ma in pratica fanno solo i loro interessi e leggi per privare queste categorie dei diritti. MANDIAMO NELLE AMMINISTRAZIONI E IN PARLAMENTO SOLO CHI CONOSCE LA FATICA E IL VALORE DEL LAVORO DIPENDENTE, DELLA SOFFERENZA DI ESSERE UN DISOCCUPATO, UN PRECARIO, UN PENSIONATO AL MINIMO E UNA PARTITE IVA INDIVIDUALE.

Carlo Soricelli del Comitato per la difesa dei diritti dei lavoratori e curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

date la vostra adesione contattando

shonea@libero.it o soricarlo49@gmail.com

Translate (traduci nella tua lingua)

Il Dott. Luca Visconti Psicoterapeuta offre consulenza gratuita e riservata ai familiari delle vittime, anche alle vittime di infortuni gravi e invalidanti. Per contatti luca.visconti@htmail.com

Opere "Fiori recisi" dedicati agli amici che hanno perso un proprio caro lavorando

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/

"FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei morti sul lavoro conosciuti in questi anni. Sono vasi di fiori dedicati e firmati col nome della vittima. Ci sono anche pagine dei loro cari che parlano del loro "fiore reciso". Consiglio a tutti d'andarlo a vedere. Quello che scrivono i familiari delle vittime è commovente e le opere, a mio parere, sono molto belle

La morte accompagna tutti i giorni i lavoratori che vanno a lavorare in vecchi capannoni

luglio 2012 a futura memoria se un evento come questo si tornerà a verificare.

LA MORTE ACCOMPAGNA TUTTI I GIORNI OPERAI E IMPIEGATI QUANDO ENTRANO NELLE VECCHIE FABBRICHE CHE NON RISPETTANO LE NORMATIVE ANTISISMICHE DEL 2005

Dopo il terremoto in Emilia risulta evidente che milioni di lavoratori rischiano di rimanere uccisi sotto capannoni obsoleti costruiti prima delle normative antisismiche del 2005. Fabbriche che possono venire giù come castelli di sabbia in caso di nuovi terremoti. Si sta facendo qualcosa per mettere in sicurezza questi luoghi di lavoro? E lo Stato che misure sta mettendo in campo per farli rendere conformi? Io credo che tutto stia finendo nel dimenticatoio. Se forti scosse capiteranno durante il giorno e non di notte come nel terremoto in Emilia, ci sarà una strage di lavoratori che sotto i tetti di quelle fabbriche ci lavorano

Flavio Insinna recita la poesia "morti bianche" su radio 2

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "morti bianche" su radio 2

Morti bianche


Chiamatele pure morti bianche.
Ma non è il bianco dell’innocenza
non è il bianco della purezza
non è il bianco candido di una nevicata in montagna
E’il bianco di un lenzuolo, di mille lenzuoli
che ogni anno coprono sguardi fissi nel vuoto
occhi spalancati dal terrore
dalla consapevolezza che la vita sta scappando via.
Un attimo eterno che toglie ogni speranza
l’attimo di una caduta da diversi metri
dell’esalazione che toglie l’aria nei polmoni
del trattore senza protezioni che sta schiacciando
dell’impatto sulla strada verso il lavoro
del frastuono dell’esplosione che lacera la carne
di una scarica elettrica che paralizza il cuore.
E’ un bianco che copre le nostre coscienze
e il corpo martoriato di un lavoratore
E’ il bianco di un tramonto livido e nebbioso
di una vita che si spegne lontana dagli affetti
di lacrime e disperazione per chi rimane.
Anche quest’anno oltre mille morti
vite coperte da un lenzuolo bianco.
Bianco ipocrita che copre sangue rosso
e il nero sporco di una democrazia per pochi.
Vite perse per pochi euro al mese
da chi è spesso solo moderno schiavo.
Carlo Soricelli


L'Osservatorio Indipendente di Bologna è su Facebook

Osservatorio indipendente di Bologna Facebook

Diventa amico, clicca "mi piace" dai il tuo contributo per far comprendere l'entità del triste fenomeno e fallo conoscere ai tuoi amici. Segnala l'Osservatorio indipendente di Bologna sulla tua pagina di Facebook

http://www.facebook.com/osservatorioindipendente?v=wall

Twitter

https://twitter.com/@pittorecarlosor

Carlo Soricelli facebook

http://www.facebook.com/profile.php?id=1122566828

Salva la vita a un tuo caro informandolo

Le morti verdi

LA VERA EMERGENZA IN QUESTO PAESE, SE PARLIAMO DI INFORTUNI MORTALI SUL LAVORO, SONO GLI AGRICOLTORI CHE MUOIONO SCHIACCIATI DAL TRATTORE, GIA' 150 DALL’INIZIO DELL’ANNO E 140 DA QUANDO ABBIAMO MANDATO IL 28 FEBBRAIO UNA MAIL A RENZI, POLETTI E MARTINA SULL’IMMINENTE STRAGE CHE SAREBBE RICOMINCIATA ENTRO POCHI GIORNI, CHIEDEVAMO DI FARE UNA CAMPAGNA D'INFORMAZIONE SULLA PERICOLOSITA' DEL MEZZO, OLTRE CHE UNA "LEGGINA" PER FAR DOTARE I VECCHI TRATTORI DI PROTEZIONI ANTI SCHIACCIAMENTO, SENZA OTTENERE NESSUNA RISPOSTA. SE HAI UN PARENTE CHE USA QUESTO MEZZO AVVERTILO DEL PERICOLO MORTALE CHE CORRE QUANDO LO GUIDA. AIUTACI A SENSIBILIZZARLO, SALVA LA VITA DI TUO PADRE, DI TUO NONNO, DI TUO FRATELLO, DI TUO FIGLIO, DI TUO MARITO O DI UN TUO CONOSCENTE. NON FARLO MORIRE IN MODO COSI’ ATROCE

Dopo la sentenza della Cassazione che lascia l'amaro in bocca ma che non discuto, non posso non ripensare a quei giorni. Proprio a quei lavoratori morti così atrocemente ho dedicato l'Osservatorio che ho aperto poche settimane dopo. Il giorno dopo quella tragedia scrissi questa poesia che ripropongo a distanza di oltre 6 anni.

Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.


Carlo Soricelli brevi cenni biografici

Tecnico metalmeccanico in pensione

Ha aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008 pochi giorni dopo la tragedia della ThyssenKrupp di Torino, dopo aver visto che non era possibile trovare sul Web notizie in tempo reale sulle morti sul lavoro. Considera l’attività di volontario dell’Osservatorio come una naturale evoluzione della sua attività di artista

E’ pittore-scultore da oltre quaranta anni

Ha sempre creato opere a contenuto sociale

Ha esposto con personali con Antonio Ligabue e Cesare Zavattini e ha all’attivo oltre settanta mostre, è presente con opere in diversi musei.

Ha creato per primo al mondo, da vent’anni la “pittura pranica”, la pittura che interagisce con l’osservatore e che “guarisce” numerose patologie, soprattutto dolorose.

Ha scritto sei libri

Siti di Soricelli

domenica 21 dicembre 2014

Ancora due morti sui luoghi di lavoro

Muore in provincia di Salerno un edile di cui non si conosce ancora l'identità. La vittima che aveva 46 anni è morta cadendo dal tetto di un capannone che stava ristrutturando. In provincia di Biella è morto un agricoltore di 86 anni schicciato dal trattore. Sono 151 gli agricotori morti così atrocemente dall'inzio dell'anno e 141 da quando abbiamo mandato il 28 febbraio 2014 una mail a Renzi Poletti e Martina avvertendoli dell'imminente strage che sarebbe ricominciata entro pochi giorni.

venerdì 19 dicembre 2014

registriamo altri 4 morti sui luoghi di lavoro

19 dicembre 2014 Registriamo altri 4 morti sui luoghi di lavoro. in provincia di Arezzo è morto Mario Abate Cinea autotrasportatore di 57 anni che con il suo Tir è andato fuori strada dopo aver urtato un guardrai rimanendo ucciso sul colpo. Sempre in Toscana, in Provincia di Grosseto è morto F.N un fabbro che stava lavorando su un cancello che lo ha travolto. in provincia di Benevento un pensionato agricoltore è morto annagado dopo essere caduto in un pozzo. In provincia di Sondrio un artigiano che tagliava le pietre è morto cadendo in un dirubo.

mercoledì 17 dicembre 2014

Ancora due morti in edlizia

16 dicembre 2014 Purtroppo dopo alcuni giorni di "tranquillità" è ripresa la strage di lavoratori in provincia di Udine è morto Fadil Begososki di 50 anni. Secondo le prime ricostruzioni, l’operaio è caduto mentre era impegnato nel rifacimento della copertura di una vecchia stalla. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti oltre al personale del 118 anche i vigili del fuoco e i carabinieri. La dinamica dell’incidente è attualmente ancora al vaglio degli inquirenti. In provincia di Treviso è morto Mirco Caneva di 60 anni. caneva ha sofferto per oltre 9 mesi, dall'infortunio che aveva avuto il 9 marzo scorso. Caneva era su una scaletta quando si era staccato il pesante braccio metallico di una gru, che l’aveva sfiorato, facendolo volare a terra. sembra un infortuni da poco, ma poi le sue condizioni si sono aggravate fino a portarlo alla morte.

domenica 14 dicembre 2014

DIOPPPS Disoccupati-impiegati-operai-precari-partite iva-pensionati-studenti

Questo è un momento storico drammatico, solo chi non vuole vederlo non lo vede, l’assurdità delle politiche renziane stanno distruggendo per sempre il legame che il PD aveva col mondo del lavoro e i meno abbienti. Già l’appoggio del PD al Governo Monti e alla legge Fornero avevano fatto allontanare gran parte dei lavoratori, mettendo in ginocchio intere famiglie di esodati, l’allungamento generalizzato dell’età lavorativa ha poi privato della meritata pensione i lavoratori, anche quelli che fanno un lavoro pericoloso e pesante. Non a caso oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro hanno un’età superiore a sessanta anni. Poi il Job Act ha dato il colpo di grazia al legame residuo che questo partito aveva col mondo del lavoro. Renzi pensava che con 80 euro avrebbe comprato la dignità e i diritti di chi lavora. Ma si vede bene che proviene da un altro mondo, che non conosce chi lavora nelle fabbriche, negli uffici, le partite iva ecc…Il colpo di grazia è stata poi la politica scellerata di Mare Nostrum che ha riversato nelle periferie italiane centinaia di migliaia di disperati che sono entrati in competizione con le categorie più povere. Certo che si dovevano salvare queste persone. Ma non imporre all’Europa in proporzione parte di queste persone distribuite equamente in tutti i paesi, ha fatto scoppiare le periferie italiane e fatto montare un razzismo che sta portando una valanga di voti alla Lega di Salvini che con la sua demagogia sta portando la destra italiana a un consenso mai visto. Non può esserci solo l’Europa dei tecnocrati e dei banchieri, ci vuole anche una politica della Solidarietà europea. L’aliquota delle tasse poi proposta dalla Lega al 15% vuol dire privare tutti della Sanità pubblica, dei Servizi, alle Manutenzioni e favorire i più ricchii che questi servizi possono permetterseli privatamente. Occorre dimezzare l’enorme debito pubblico italiano e si può fare solo con una Patrimoniale pagate da tutti in rapporto ai propri redditi e capitali, qui si che ci vuole un’aliquota unica in proporzione a quello che si possiede. Se ci sarà una fuga di capitali, essendo questi in euro italiani occorre farli diventare carta straccia se esportati illegalmente. E questo, a mio parere si può già fare con quelli che sono all’estero, se chi li possiede non ne dimostra la provenienza lecita. Farli tornare in Italia tassati al 50% altrimenti che si vadano a spazzare il sedere, chiunque li possieda. Il renzismo è ormai finito, non può Renzi portare alle elezioni il paese perché le perderebbe. I delusi della sinistra PD che non lo hanno votato anche alle recenti elezioni in Emilia Romagna, non faranno nessuna differenza tra lui e Salvini e mai lo voteranno dopo il Job Act che priva dei diritti fondamentali chi lavora. La sinistra, quella vera è dispersa in mille rivoli, se non si vuole che questa destra montante diventi maggioritaria nel paese occorre cercare di riaggregarla, noi stiamo cercando di farlo, vogliamo un partito di sinistra grande, che ha un potenziale di voti immenso, basta divisioni che spesso nascondono solo posizioni personali di potere, e mettiamoci tutti al servizio dei cittadini e dei lavoratori che devono avere una rappresentanza parlamentare in proporzione ai loro voti. Il nostro comitato formato da dieci persone che abitano in diverse regioni, ha come Presidente Marco Bazzoni operaio metalmeccanico toscano iscritto alla FIOM . Ci ripromettiamo di diventare punto di riferimento per la riaggregazione della sinistra dispersa in tutte le regioni italiane, chi è d’accordo ci contatti. Carlo Soricelli del Comitato DIOPPPS e curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

sabato 13 dicembre 2014

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro : Il Ministro Martina va in macchina a commentare il...

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro : Il Ministro Martina va in macchina a commentare il...: Non posso non indignarmi come curatore dell'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro nel vedere il Ministro delle Politiche...

Il Ministro Martina va in macchina a commentare i cantieri dell'EXPO di Milano, ma niente ha fatto per salvare la vita dei tanti agricoltori che muoiono schiacciati dal trattore

Non posso non indignarmi come curatore dell'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro nel vedere il Ministro delle Politiche Agricole nelle Cronache del TG La7 fare una sfilata in macchina e commentare i cantieri dell'EXPO di Milano mentre non ha fatto niente da quando il 28 febbraio ho mandato una mail a Lui, a Renzi e a Poletti, avvertendoli dell'imminente strage di agricoltori schiacciati dal trattore. Da quel giorno ne sono morti così tragicamente 140 e 150 dall'inizio dell'anno. E non si vergogna.Ed è anche per questi motivi che chiuderò l'Osservatorio Indipendente di Bologna il 31 dicembre. Il paese non si merita questa classe dirigente.

E' morto il Vigile del Fuoco Gianluca Latini in provincia di Ancona

Ancona 12 dicembre 2014 E' morto intossicato dalle esalazioni Gianluca Latini vigile de foco di 48 anni. La tragedia in un capannone. I Vigili del Fuoco erano intervenuti per spegnere un incendio scoppiato nell'ex capannone Fiat di Marina di Montemarciano. Latini si è sentito male durante le operazioni di spegnimento ed è morto, forse stroncato da un infarto. Tutti i tentativi di rianimarlo si sono rivelati inutili. La tragedia è accaduta vicino al Famila. Sotto choc i colleghi di lavoro e il comando di Senigallia, cui era aggregato.